SEI IN > VIVERE LODI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Dissesto idrogeologico, da Giunta via libera a 83 milioni di euro per la realizzazione di 38 interventi

6' di lettura
52

È di 83 milioni l’ammontare degli stanziamenti destinati a combattere il dissesto idrogeologico su tutto il territorio lombardo. La delibera, approvata giovedì durante la seduta di Giunta della Regione Lombardia, prevede, tramite la messa a sistema di 3 programmi di intervento, l’attivazione di 38 azioni mirate.

“Ci siamo adoperati tempestivamente – ha sottolineato l’assessore regionale a Territorio e Sistemi Verdi, Gianluca Comazzi – affinché tutte le provincie lombarde ricevessero adeguati finanziamenti per la realizzazione di opere per la messa in sicurezza delle zone più a rischio. L’impegno preso oggi rappresenta infatti un passo significativo e concreto verso la tutela delle comunità locali, con investimenti mirati per la prevenzione e la mitigazione dei rischi legati al dissesto idrogeologico”.

“Una delibera frutto del lavoro congiunto e dell’impegno costante dell’Assessorato e di Regione Lombardia – ha concluso l’assessore – che rafforza così l’attenzione verso una gestione sostenibile del territorio e la sua salvaguardia, migliorando la qualità della vita dei cittadini e proteggendo le infrastrutture esistenti”.

I LAVORI – Saranno stanziati 21,4 milioni per tre interventi che interesseranno 6 Comuni nella provincia di Milano, tra cui l’area di laminazione del torrente Trobbia e Rio Vallone a Inzago-Masate. Altri 23,5 milioni di euro saranno invece utilizzati per 8 interventi che coinvolgono oltre 20 Comuni della provincia di Bergamo. Tra questi, la messa in sicurezza della frana di Tavernola Bergamasca sul Lago d’Iseo. Alla provincia di Como andranno 14,5 milioni per la laminazione del Seveso a Montano Lucino. Serviranno invece 7,8 milioni per quattro interventi in 7 Comuni della provincia di Mantova, tra cui un’area di laminazione a Castiglione delle Stiviere. Riceverà 3,8 milioni la provincia di Lecco per 5 interventi di sistemazione di alvei in 7 Comuni. Il bresciano riceverà 1,8 milioni per 3 interventi di sistemazioni idrauliche su 3 Comuni, tra cui la riqualificazione del canale scolmatore Naviglio Cerca, a Brescia Santa Eufemia. Finanziamenti per 1,7 milioni di euro interesseranno la provincia di Monza Brianza per l’area di esondazione controllata del Rio Brovada a Triuggio. Alla provincia di Cremona andranno 1,4 milioni di euro per due interventi, tra cui la difesa idraulica a Crotta d’Adda. La provincia di Varese sarà interessata da 3 interventi per 1,2 milioni, tra i quali la messa in sicurezza della frana avvenuta in località Creva a Luino, che ha comportato l’evacuazione di 51 persone. Alla provincia di Pavia arriveranno 1 milione di euro per il rifacimento degli argini del fiume Sesia in zona Langosto. Infine 800.000 euro saranno stanziati per le sistemazioni idrauliche a Tavazzano con Villavesco, in provincia di Lodi.

BERGAMO – Per la provincia di Bergamo i Comuni beneficiari saranno: Albano Sant’Alessandro (500.000 euro per interventi di mitigazione rischio idraulico); Brembate di Sopra (380.000 euro per interventi di mitigazione della pericolosità del torrente Lesina); Foppolo (300.000 euro per messa in sicurezza del versante del Passo Dordona); Tavernola Bergamasca (10.189.311 euro per interventi di mitigazione della frana del Monte Saresano); Urgnano (2.030.100 euro per ripristino rogge); Valleve (710.000 euro per messa in sicurezza dal pericolo caduta massi); Comuni vari (3.000.000,00 euro per mitigazione del rischio idraulico del bacino del torrente Morletta). Ulteriori 1.300.000 euro andranno divisi tra Bagnatica, Bolgare, Calcinate, Cavernago, Chiuduno, Costa di Mezzate, Grumello del Monte, Montello, Mornico al Serio, Palosco e Telgate per prevenzione del dissesto idrogeologico.

BRESCIA – Per la provincia di Brescia i Comuni beneficiari saranno: Brescia (1.580.000 euro per riqualificazione del canale Naviglio Cerca); Palazzolo sull’Oglio (1.300.000 divisi con altri Comuni della provincia di Bergamo per prevenzione disseto idrogeologico e salvaguardia del territorio del fiume Serio); Saviore dell’Adamello (260.000 euro per intervento di riduzione del rischio idrogeologico lungo torrente Poja); Vione (30.000 euro per sistemazione idraulica torrente Fiumecolo).

COMO – Per la provincia di Como il Comune beneficiario è: Montano Lucino (14.550.000 euro per opere di laminazione nell’alto Seveso e intervento sul torrente Lusert).

CREMONA – Per la provincia di Cremona i Comuni beneficiari saranno: Cremona, Gerre de Caprioli, Stagno Lombardo (250.000,00 euro per sistemazione idraulica di diversi colatori); Crotta d’Adda (200.000 euro per interventi di difesa idraulica sul fiume Adda), San Daniele Po (1.000.000 euro per ammodernamento impianto onnivoro sul colatore Pozzolo).

LECCO – Per la provincia di Lecco i Comuni beneficiari saranno: Barzio e Introbio (1.900.000 euro per sistemazione idrogeologica nel bacino del torrente Acquaduro); Calolziocorte (150.000 euro per messa in sicurezza di via Favirano); Dervio (800.000 euro per realizzazione di una briglia filtrante sul torrente Varrone) Erve (500.000 euro per mitigazione del rischio di caduta massi); Esino Lario (450.000 euro per messa in sicurezza del Comune).

LODI – Per la provincia di Lodi i Comuni beneficiari saranno: Tavazzano con Villavesco (800.000 euro per riordino del reticolo idrico del Silaro di Salerano sul Lambro).

MANTOVA – Per la provincia di Mantova i Comuni beneficiari saranno: Castiglione delle Stiviere (3.920.000 euro per realizzazione di aree di esondazione dei bacini Fosso Guerra e Seriola Marchionale); Guidizzolo, Ceresara e Goito (1.500.000 euro per lavori di sistemazione idraulica); Sermide e Felonica (1.250.000 euro per interventi di riqualificazione della funzionalità idraulica); Viadana (1.200.000 euro per interventi di ripristino della sicurezza idraulica dell’impianto idrovoro di San Matteo delle Chiaviche).

MILANO – Per la Provincia di Milano i Comuni beneficiari saranno: Garbagnate e Bollate (450.000 euro per riqualificazione e messa in sicurezza della valle del torrente Guisa); Inzago e Masate (12.000.000 euro per aree di laminazione della Trobbia e del Rio Vallone); Pessano con Bornago (100.000 euro per opere di ripristino e messa in sicurezza del torrente Molgora); Rho (8.852.000 euro per area di laminazione del torrente Bozzente).

MONZA BRIANZA – Per la provincia di Monza Brianza il Comune beneficiario è quello di Triuggio (1.652.685 euro per area di esondazione controllata del Rio Brovada).

PAVIA – Per la provincia di Pavia il Comune beneficiario è Langosco (1.000.000 euro per interventi di manutenzione degli argini del fiume Sesia).

SONDRIO – Per la provincia di Sondrio i Comuni beneficiari saranno: Caspoggio (180.000 euro per interventi di riduzione del rischio frane); Gordona (100.000 euro per interventi mirati alla mitigazione del rischio caduta massi); Madesimo (2.200.000 euro per opere antivalanga a protezione dell’accesso a Montespluga); Montagna in Valtellina (90.000 euro per interventi di mitigazione idrogeologica sui fenomeni di crollo); Tirano (1.600.000 euro per opere di mitigazione idrogeologica sul fenomeno di crollo).

VARESE – Per la provincia di Varese i Comuni beneficiari saranno: Brusimpiano (400.000 euro per interventi di mitigazione del rischio idrogeologico), Luino (640.000 euro per opere di mitigazione del rischio di caduta massi); Marzio (150.000 euro per interventi di messa in sicurezza dei movimenti franosi avvenuti in seguito all’evento del 6 giugno 2020).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-03-2023 alle 17:12 sul giornale del 24 marzo 2023 - 52 letture






qrcode